Controllo Arpacal sulle alghe tossiche

Nel 2017 in Calabria non vi sono stati episodi particolarmente allarmanti di fioriture algali potenzialmente tossiche. In provincia di Reggio Calabria, un aumento delle concentrazioni microalgali si è verificato nei punti di Scilla e Palmi tra la fine del mese di Luglio e l’inizio del mese di Agosto, senza però raggiungere i livelli di allarme.

Per la provincia di Vibo Valentia, nella quale fu trovato il primo esemplare di Ostreopsis nel 2007, nessuna fioritura di microalghe tossiche ha caratterizzato la stagione di monitoraggio. Come per il 2016, l’alterazione del colore delle acque di balneazione riscontrata in alcuni punti, è stata determinata dalla presenza di Dinophyceae.

Per il monitoraggio del Dipartimento di Catanzaro, le stazioni campionate non hanno evidenziato fioriture allarmanti di microalghe tossiche e dall’analisi dei dati si è confermato un andamento simile a quello degli altri anni. Il monitoraggio nella provincia di Crotone, che non era stato eseguito negli anni precedenti, non ha evidenziato nessuna fioritura di microalghe potenzialmente tossiche. Per ciò che riguarda il Dipartimento di Cosenza, è stata eseguita solo un’attività di vigilanza senza campionamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...